REALIZZARSI: da dove partire?

25 Set 2017 - Spunti & Risorse

REALIZZARSI: da dove partire?

Te stesso, l’ambiente e i corsi di formazione

Nei momenti di estrema confusione e disperazione, spesso non si sa da dove partire per realizzarsi nella vita. Ispirato da un video di ieri sera e da un annuncio di questa mattina, ho riflettuto sulla mia esperienza passata. Condivido 3 possibili azioni da compiere per partire, realizzarsi professionalmente in un ambito lavorativo.

Ieri ho partecipato a un webinar di #Slashers, la nuova start-up di Marco Montemagno e ho potuto riflettere su una domanda che un ragazzo ha posto a Monty: se ho un’idea e non so da dove partire cosa faccio? La risposta l’ha data in diretta. Io ho riflettuto su un un’altra domanda, che in molti, compreso me, si fanno in un periodo di cambiamento: “Se non ho idee, da dove parto?”. Ci ho pensato, basandomi sul mio passato e ho individuato 3 possibili azioni da compiere.

PARTIRE DA TE STESSO

Utilissimo partire dalle tue capacità, talenti e abilità acquisite col tempo.
Cosa ti riesce talmente bene al punto che gli altri ridono di gusto o ti ringraziano di piacere?Cosa ti fa godere che non ti fa dormire dall’eccitazione (e non dalla disperazione?).

Il mio consiglio è di fare un elenco di tutto ciò che ti riesce bene e di cui gli altri ne riconoscono il valore. Da qui, vedrai che inizieranno a definirsi strade davanti a te.
Per decidere di partire, poi, definisci le prossime 3 azioni da fare.

PARTIRE E APPRENDERE DALL’AMBIENTE

Quando hai qualche idea da dove partire ma sei incerto, ad esempio, perché non conosci bene i dettagli dell’attività o non sei sicuro possa realmente soddisfarti, guardati intorno.
Secondo lo psicologo sociale Bandura, si apprende e si impara facendo esperienza con il contesto sociale e relazionale in cui viviamo. Assimiliamo informazioni e apprendiamo competenze interagendo con l’ambiente. Prova a domandarti:

Quale attività o lavoro mi attrae?
Quale luogo e quali persone posso iniziare a frequentare in questo ambito lavorativo?

Lanciati e sperimenta. Ne parlo anche in questo articolo. Potresti, ad esempio affiancare nel lavoro persone che stimi o essere inserito in attività stimolanti, anche a titolo volontario. Oppure entrare a far parte di una community, collaborare e apprendere da persone che stimi e apprezzi. Una possibilità è #Slashers di Montemagno, per liberi professionisti. Iscriviti sul gruppo facebook qui.

PARTIRE DA CORSI DI FORMAZIONE

Se ti ritieni incapace o sei convinto che per realizzare ciò che desideri servano competenze, abilità e talenti allora sei sulla giusta strada. In che senso?
Nel senso che porsi questo domanda significa conoscersi e essere proattivi: cioè essere consapevoli di se stessi e delle difficoltà che anticipi si possono incontrare: quale partenza migliore di questa se hai voglia di realizzarti, svolgere una vita soddisfacente nella quale dai valore a te e agli altri con le tue competenze e anticipando le mosse per superare gli ostacoli? Questa è la situazione adatta per cercare occasioni di formazione: corsi, webinar, università e simili. Credi che sia troppo tardi?

Uhm, pensaci bene perché c’è chi si laurea a 70anni. Come la storia di Anna che puoi leggere qui . Credi che sia difficile trovare corsi gratuiti? Non è vero. Cerca le Università del tuo paese, l’ingresso a molte (se non tutte) lezioni è libero e gratuito. Cerca su siti o community online o su google “webinar gratuiti”, potresti trovarne di buoni. Cerca sul sito del tuo Comune: ad esempio a Padova c’è Ufficio Progetto Giovani che talvolta propone corsi e stage gratuiti di formazione come quelli appena pubblicati.
Puoi trovarli completi se clicci qui.

Buona formazione

Alessandro

Tag:, ,

Condividi l'articolo scegliendo il tuo social preferito e lascia il tuo commento qui sotto.